Wuxi Museum

Tomorrow will open the group show of the artists of the Jingling Program at the Wuxi Museum in Wuxi, China. The exhibition includes also some of my works done during my artist residence in Nanjing.

26919906240_f5f263a2c3

26920018590_dfcffda1db_z

“IDENTITA’ RIFLESSA dopo Nanjing” (“MIRRORED IDENTITY after Nanjing”)

26783037196_32bf89311e_c

opening: 14th may 2016 h.18.00
Galleria La Linea, via Mazzini 21, Montalcino (SI), Italy
www.gallerialalinea.it

MIRRORED IDENTITY – After Nanjing

“I didn’t know it before, but I’ve always painted Chinese cities.” That’s what Francesco Barbieri told me when his residency at Nanjing University was coming to an end. This insight – an “epiphany” of some sort – not only provides us with privileged access to the works included in this exhibition, but also illuminates Barbieri’s overall artistic evolution. This “maieutic journey,” whereby Barbieri has discovered what was already there, is in effect an important turning point in his career. Since then, he has found a synthesis between his two souls, the graffiti writer and the painter, and discovered his truer and strongest voice.
In his journey so far, Barbieri has followed a trajectory that is as unique and authentic as his results are. By going in the opposite direction of the majority of those also involved in post-graffitism, he refused to capitalize on his “street credit.” He opted for a fresh start and began an artistic trajectory ex-novo. This was not an easy choice: Barbieri had to confront many difficulties in adapting to a new artistic identity, a different context of exhibition, and a change in medium and preferred techniques. And yet, he has found his ways to overcome those difficulties, coming to full circle as an artist.
Through an in-depth study of the Chinese metropolis, Barbieri has explored in real life the world he imagined in his paintings: fast trains cutting like sharp blades through smoky urban territories, where overhead cables hanging from electric poles connect like ghostly hair menacing skyscrapers. But in his production after Nanjing, for the first time, historical buildings also appear: pagodas, temples, and ancient towers peek in and interrupt the post-industrial skyline. We are beyond the dystopia: now, we live in a world that is more complex, where tradition and modernity are in dialogue, light coexists with darkness, and life as nature not only reveals itself within the interstices of the spectral city, but sometimes dominates it.
By walking through the streets of China, Barbieri has faced his own duplicity. In the walls of Nanjing, Beijing, Shanghai, and Wuxi he has seen his own reflection, but did not fall into Narcissus’ trap. Rather than losing himself, he has brought back into the studio his alter-ego. From this uncanny meeting with a familiar “stranger,” he has learned much about himself and his art. His artisticc view has become wider, his style braver, and his pictorial gesture firmer. In his journey through an alien culture and through his different voices, Barbieri has found the fundamental note that harmonizes all the complex and polyphonic melodies simultaneously resonating in his individual personality. Now, his hand can hold a paintbrush as if it were a spray can, and vice versa. As a prophecy of this newly found unity, a calligraphy of his name — though in Chinese and not in the style of graffiti – appears in one of the paintings included in this exhibition. An amphibious creature, Barbieri has discovered that he can breathe on dry land and underwater.
Conceived by a littoral being, his works are forms of expression lying “in between,” joining different domains and spheres: art and life, the studio and the city, the gallery and the street. Barbieri’s works emerge from his dialogue with all these contexts. Such a dialogue exceeds the contemplative or metaphoric dimensions, and becomes material, influencing not only the meaning but also the very constitution of his pieces. Barbieri practices the urban spaces surrounding him, and interact with his fellow travelers. He literally brings back to his studio parts of the city: interstitial elements like cans of house paint abandoned around construction sites or tears of ripped billboards, and nobler components such as fine grained paper or even artworks, which all appear in his production.
Rather than representing accurately a place, which is always imagined and often deconstructed in his works, Barbieri’s paintings symbolize and embody our post- industrial condition. In this sense, we are not looking at mere landscapes seen from afar: we are consulting maps, topographies of our intricate world. This quality clearly appears in the series of the megalopolis, where the sky almost disappears and we found ourselves submerged by the city, as if we were place directly on the grid of its planimetry. When observing these maps, we also see our own reflection: the reflection of individuals in a time of crisis, where no easy path through the city can be found. In Barbieri’s topographical materialism, we find an embodiment of such an inescapable confusion but also a tool, fallible and imperfect, for orienting oneself in the convoluted bundles of crossroads that is our daily life.

Andrea Baldini

IDENTITA’ RIFLESSA – Dopo Nanjing

“Non lo sapevo, ma ho sempre dipinto città cinesi.” Così mi ha detto Francesco Barbieri quando la sua residenza artistica alla Nanjing University stava volgendo al termine.
Quest’intuizione – una sorta di “epifania” – non ci offre solamente una chiave di lettura delle opere che fanno parte di questa mostra, ma ci aiuta a comprendere l’evoluzione artistica di Barbieri in senso più generale.
Questo “viaggio maieutico,” grazie al quale Barbieri ha scoperto inaspettatamente quel che già era, segna un punto di svolta nella sua carriera: da quel momento, è riuscito a trovare una sintesi più compiuta tra le sue due anime – il writer e il pittore – riconoscendo allo stesso tempo la sua voce più forte ed autentica.
Il percorso che Barbieri ha intrapreso finora segue una traiettoria tanto unica e sincera quanto lo sono le sue opere.
Andando in direzione ostinata e contraria rispetto alla maggioranza di quelli che come lui si trovano all’interno di quel contenitore che è il post-graffitismo, Barbieri ha preferito non trarre vantaggio dalla sua fama come writer, ripartendo da zero con una traiettoria artistica completamente nuova.
Questa non è certo stata una scelta semplice: Barbieri si è dovuto confrontare con molti ostacoli che gli si sono posti davanti nel processo di adattamento alla sua nuova identità artistica, ad un diverso contesto di esposizione, a un cambiamento di medium e tecniche.
Tuttavia, è riuscito a superare brillantemente quelle difficoltà, chiudendo il cerchio di questa parte della sua carriera e raggiungendo una piena maturità come artista.
Attraverso lo studio approfondito della metropoli cinese, Barbieri ha in realtà toccato con mano il mondo che prima aveva solo immaginato nei suoi dipinti: treni che sfrecciano veloci tagliando come lame affilate territori urbani indefiniti e fumosi, dove cavi elettrici che pendono da pali della luce e somigliano a capelli spettrali, uniscono i profili minacciosi di grattacieli spaventosi.
A dire il vero, però, nelle opere che Barbieri ha realizzato dopo il suo ritorno da Nanchino, appaiono per la prima volta anche edifici storici: templi, pagode e torri antiche si affacciano, interrompendo la skyline postindustriale. Siamo al di là della distopia: ci troviamo ora in un mondo più complesso, dove tradizione e modernità sono in dialogo, luce e oscurità coesistono, e la natura non solo appare tra gli interstizi della città spettrale, ma a volte anche la domina.
Camminando per le strade della Cina, Barbieri ha affrontato la sua duplicità: sui muri di Nanchino, Pechino, Shanghai e Wuxi ha visto il suo stesso riflesso, senza però cadere nella trappola di Narciso.
Anziché perdersi nella sua immagine, ha portato indietro nel suo studio il suo alter-ego.
Da questo strano incontro con uno “sconosciuto” che gli era tanto familiare, ha imparato molto di sé e della sua arte.
La sua visione artistica è divenuta più ampia, il suo stile più coraggioso, ed il suo gesto pittorico più fermo e deciso.
Viaggiando attraverso una cultura aliena ed attraverso le molte voci interiori, Barbieri ha trovato quella nota fondamentale che è in grado di armonizzare tutte quelle melodie complesse e polifoniche, che risuonano contemporaneamente all’interno della sua personalità individuale.
Adesso, la sua mano può reggere un pennello come se fosse una bomboletta spray e vice versa.
Come una profezia di questa nuova unità appena raggiunta, una calligrafia del suo nome – (弗朗切斯科 – fú lǎng qiè sī kē) e non nello stile dei graffiti – appare in uno dei dipinti in mostra, dal titolo Black Bright Cut.
Da vera creatura anfibia, Barbieri ha scoperto di poter respirare sia sott’acqua che sulla terra ferma.
Concepite così da una creatura di confine, le sue opere sono forme di espressione che si trovano “a metà.”
Grazie alla loro posizione, sono in grado di congiungere domini e sfere differenti: l’arte e la vita, lo studio e la città, la galleria e la strada.
Le opere di Barbieri nascono dal suo dialogo con questi contesti così disparati. Quel dialogo va al di là della dimensione puramente metaforica o contemplativa, ma diventa tangibile, ed in questo senso influenza non solo il significato, ma anche la stessa realizzazione dei suoi quadri.
Barbieri pratica gli spazi urbani che lo circondano, interagendo con gli avventori che, come lui, attraversano quei luoghi. Porta letteralmente con sé nel suo studio parti della città: elementi interstiziali come barattoli di vernice abbandonati fuori da un cantiere, o frammenti di un cartellone strappato, oppure componenti più nobili come carte dalla grana pregiata o persino opere d’arte, e tutti questi elementi entrano a far parte della sua produzione.
Piuttosto che rappresentare accuratamente località precise – che sono sempre immaginate e decostruite nelle sue opere – i dipinti di Barbieri sono un simbolo e un’incarnazione della condizione post-industriale in cui viviamo.
In questo senso, non stiamo guardando semplici paesaggi visti da un qualche punto lontano: stiamo consultando mappe, topografie del nostro mondo intricato.
Questa qualità dell’opera di Barbieri appare chiaramente nella serie delle megalopoli, dove il cielo quasi scompare e ci troviamo come sommersi da queste città, come se qualcuno ci avesse trasportato direttamente su una planimetria.
Quando osserviamo queste mappe, anche noi vediamo il nostro riflesso: il riflesso di chi vive in un tempo di crisi, dove non è possibile trovare un percorso facile attraverso la città.
Nel materialismo topografico di Barbieri, troviamo l’incarnazione di quell’ineluttabile caos, ma anche un mezzo, seppur fallibile ed imperfetto, per orientarci in quel groviglio tortuoso di incroci che è la nostra vita quotidiana.

Andrea Baldini

“the way you’re told to live”, my next solo show @Peekaboo

Francesco_Barbieri_Pistoia_PKB_web

Francesco Barbieri è un navigato writer e un giovane pittore.

I graffiti e la pittura, discipline così distanti e così vicine, sono entrambi atti antichi, sacri, e trovano un punto d’incontro nella loro pratica costante ed ossessiva, sempre alla “ricerca di…”. Per un writer, come per un pittore, non è tanto importante il graffito o il quadro prodotto nel passato o nel presente, quanto sempre quello che sarà pensato ed eseguito nel futuro, quello ancora da cercare: si può quindi parlare di arti del “non ancora”. Di fronte ad un’opera è difatti sempre necessario avventurarsi ad immaginare quella che verrà, come in un viaggio in treno, dove la stazione precedente annuncia di fatto quella successiva.

Più che di “pittura di paesaggio”, nel caso di Barbieri bisognerebbe quindi parlare di “pittura di passaggio”o “di attraversamento”: l’osservatore è coinvolto in una serie di istantanee scattate in prima persona, dove non ci sono esseri umani ma “solo”cieli, case, binari, treni, pali dell’elettricità, fili e reperti postindustriali, tipici soggetti di una qualsiasi realtà ferroviaria di provincia italiana. Anche i formati scelti, spesso rettangolari, richiamano le forme di un finestrino di un treno, punto di vista di un qualunque viaggiatore.

Quello dell’artista è, infatti, uno sguardo che si sviluppa in “un punto imprecisato della linea Pisa/Livorno”(dal titolo di un’opera) e che si posa sulle cose marginali, periferiche, che analizza lo spazio ed il tempo di un pendolare qualsiasi. Sembra suggerirci che l’importante non è tanto la meta quanto, appunto, il viaggio.

Il viaggio di Barbieri è iniziato molti anni fa dipingendo le lettere del suo alias sui lungolinea ferroviari e sui muri delle città incontrate, vissute ed attraversate: le sue lettere nel tempo si sono allungate, deformate, ingrossate ed intrecciate. Hanno preceduto e accompagnato l’autore nello scorrere del tempo della sua vita; si sono arricchite di grazie e, grazie alle storie vissute, le atmosfere respirate ed i luoghi visitati si sono evolute fino ad esplodere e a ricomporsi sotto mentite spoglie sulle tele pittoriche.

Nei suoi quadri si possono infatti intravedere, tra le righe, le atmosfere viste e respirate nei tanti anni di graffiti writing. E’ sullo spazio della tela che Francesco mostra e nasconde al tempo stesso la sua storia, la sua attitudine ad una pittura d’azione ancora fortemente legata al mondo delle lettere e alla sua tradizione: seppure il Nome non compaia più e manchi l’azione creativa illegale, l’artista prosegue la sua ricerca andando a guardare quello che è stato per cercare quello che sarà. E’ il prolungarsi, in nuove forme, di un fenomeno preesistente: in questo senso si può parlare di post-graffiti.

Agli strumenti classici dello scrittore, come spray, vernici e rulli si sono aggiunti le spatole ed i pennelli del pittore da laboratorio; i supporti sono passati da metallo,lamiere e cemento a quelli più vicini alla tradizione pittorica come tele, tavole e carte; anche le dimensioni non aspirano più al gigantismo della pittura d’azione del graffiti writing ma si fanno molto più piccole, riflessive, intime.
A livello compositivo la terra è spesso posta in contrapposizione al cielo (le linee ferroviarie e le città partono spesso dal basso e puntano alla mediana, sono soggetti che salgono e crescono), in una tensione mai risolta: è l’uomo che guarda e anela al cielo ma è costretto a vivere con i piedi piantati sul mondo. Il nero delle cose terrene (fabbriche, ferrovie, palazzi, antenne, pali della luce),ordinato seppur da regole proprie, è spesso contrapposto al caos e ai colori del cielo che qui diventano acidi, irreali, sognanti: è infatti questo lo spazio del sogno, della fantasia e del possibile, dove la pittura accade.

I treni e le linee ferroviarie di Barbieri non partono ne arrivano mai, seguono prospettive e traiettorie proprie, spesso errate: dove vanno, quando arrivano? Dove sta andando / ci sta portando Francesco?

Probabilmente ancora in tutte le direzioni e da nessuna parte.
Ma questo è il punto dove finisce l’Arte e riinizia la vita.

Rosa Selavi

“Livelli” group show @Galleria Varsi in Rome

January 23rd Galleria Varsi invites you to the exhibition “Livelli”, dedicated to the world of silkscreens.
During the exhibition you will learn more about this intriguing technique thanks to the silkscreens produced in collaboration with Studio 56 Fili.
On display you will find limited editions produced in the past year by artists such as Dulk, Etnik, Run, Bezt (Etam Cru), M-City, Gomez and Nosego, but also new works by Solo, Daniele Tozzi, Nemo’s, Canemorto, Francesco Barbieri, Uno, Andreco, the Dutch duo Graphic Surgery and many others.

24559525151_da77cfa6ec_z

12479539_1728172657401757_827991590_n

24014884303_dd2961b640_z

Back from Nanjing

I just got back from an artist residence called JINGLIN program in Nanjing (China). It was a nice experience and i spent my time painting and exploring the city. Besides that i went also in Shangai and Wuxi. Here a few pics.

12115613_1760260377534496_8087537714865017071_n

11012350_1761979067362627_2237684055449833088_n
The Sifang Art Museum, where we had the first group show of the residence.

12247152_1767918563435344_1451858027490551543_n
work in progress in the Nanjing studio

12227091_1766793353547865_2621970438622781869_n
exploring Shangai rooftops

12195965_1767369246823609_3230220389169708499_n
bunch of white canvases arriving at the studio

12105912_1765468027013731_9223179894495865633_n
conference

12240135_1768914576669076_241866557314822738_n

12195936_1766793813547819_4375014444543586742_n

10984229_1769436609950206_4056621676876545260_n

11220914_1763863633840837_5693554406361825633_n

12195911_1764952177065316_6791868392726718449_n

12187811_1762950907265443_3854308045629641913_n

12301476_1770808653146335_6791831503571037133_n

12226983_1766793563547844_3337790079050368139_n

12190124_1763865430507324_7158039749938726220_n

IMG_3107

photo by Moxue Zhang

11215138_1762948147265719_1368152786155595964_n

12246642_1770808593146341_3771327243431057438_n

12247149_1769437249950142_7389012139187563367_n

12316174_1772457526314781_3090070630185545352_n

23423506195_89bb361fa4
my series ” Le Quattro Stagioni Cinesi” (“Four Chinese Seasons”)

23055456439_7c31a452f1_z

detail of a diptych “Piece Of Time”

22796358593_9a55e7ba16_c

23341770761_7730054557_c

23468040955_6493254557_b

23359553092_fd1ea93ef2_c

12510294_1786021204958413_3741264778228981512_n

24014796733_6d1cc6127a_z