Some stuff

some random stuff from the last months i haven’t published yet

45712288832_cff52d863e_c

“The Art Of Travelling”, 50×70 cm, mixed media on canvas, 2018

43701864200_fac3c6ebfa_c

“Vibrant”, mixed media on canvas, 2018

45467814122_0aa6d00d11_z

“L’uovo Del Mondo (Contenitore Di Umanità Industriali)”

45762503341_a920d86e61_z

Live Painting Performance 2018

44848961125_dc43029b77_z

Live Painting Performance 2018

43673115310_9221f26e41_c

“No Place For Space”, 100×70 cm, mixed media on canvas, 2017

30549609637_7db9699e47_z

“Dystopian Valley (Sea Of Love), 30×35 cm, mixed media on photography, 2018

Paesaggi Mentali

some more paintings from the series “Paesaggi Mentali” from last year

30592263487_3b7409a541_z

“Il Vero Nemico”, 50×70 cm, mixed media on canvas, 2017

31691341518_468d851f65_z

“Opposition Of Society”, 80×80 cm, mixed media on canvas, 2017

45564269231_7e8b5e0e41_z

“Security Machine”, 80×80 cm, mixed media on canvas, 2017

30675392977_357ddb4f82_c

“A Sense Of Paranoia”, 50×70 cm, mixed media on canvas, , 2017

45482520672_4448c05715_z

“Distorsione Temporale”, 100×70 cm, mixed media on canvas, 2017

New paintings @ Galleria La Linea

One month ago we opened the group show “Antitesi” at the Galleria La Linea, together with fellow artists Daniele Cestari and Massimo Gasperini. It was a special moment, also because for the very first time i showed my country-side paintings.

28923934928_bd228f07ae_c
“Tellurico”, 50×70 cm, mixed media on canvas, 2018

41910744795_f9c2e8522e_c
“Respirare”, 50×70 cm, mixed media on canvas, 2018

42122789774_bd61bf4e3a_z
“Transumanza”, 70×100 cm, mixed media on canvas, 2018.

42829847552_96b042e8fb_c
“La Via Degli Antenati”, 50×70 cm, mixed media on canvas, 2018

42896066971_03fdc1eef6_z
“Tuscan Hillbilly”, 80×80 cm, tecnica mista su tela, 2018

41255625200_d501629a0b_z
“Ricerca Della Felicità”, , 50 x70 cm, mixed media on canvas, 2018.

42920115721_cc4a5a9b85_c
“Far From Any Road”, 70×90 cm, mixed media on canvas, 2018

41186701800_f6b760b1d5_z
“La Memoria Delle Montagne”, mixed media on canvas, 35×50 cm, 2018

28170358267_08aa0f968a_c
“Inesorabile”, 70×100 cm, mixed media on canvas, 2018

42303548514_b710fa3360_c
“Fille Du Vent”, mixed media on canvas, 70×100 cm, 2018.

40944662850_61cb48945e_c
installation view

42037699714_e48a1393b5_z

41719834825_9206ddc500_c

30690346687_df6c4767e2_c

ANTITESI @ Galleria la Linea

01_Antitesi copia

ANTITESI
The exhibition is curated by Matteo Scuffiotti
june 2- june 24, 2018.
Galleria La Linea – Via Mazzini 21, Montalcino (SI)
Opening: june 2, 2018. H 18.00-21.00

Barbieri, Cestari and Gasperini are the three artists who dedicated their entire lives to the representation of the city.

A city which they investigated thoroughly, each one according to his own personal research and history, and which they expressed pictorially and graphically in the most varied approaches possible yet always with the ultimate aim of understanding its intimate essence.
Forget everything, or at least almost everything, as this exhibition named “Antithesis”, overturns completely the perspectives’ and the certainties of both the authors and their observers, in order to catapult them into an unexplored dimension: that of the rural countryside and the natural landscape.
The individual paths along which the three authors reach this specific juxtaposition are all inevitably very different from each other, but they all focus on incentives, questions and needs that we will discover, are absolutely complementary.
Francesco Barbieri feels that researching a rural landscape, its symbology and its aesthetic are fully complementary to his research on cities, since it is a real “representation through negation”: painting open and closed spaces in order to identify full spaces.
In fact, if the urban and metropolitan system is intended as the ultimate human contemporary experience (its symbology represents the present social and economic system), it appears inevitably in crisis (due to pollution, overbuilding, individual alienation and marginality) and it leads us to look for alternative experiences, social models of a distant past, which has an utopian value. By natural contrast this leads the rural context to become idealized when instead, in actual fact, it is the countryside itself that has changed, partly eroded and damaged from the very same metropolitan, ever ready to engulf rural areas at the borders of the suburbs or to pollute the agricultural economy with its industrial logic.
Daniele Cestari instead describes the rural landscape as if it was a city itself: in his works, nature itself becomes “architecture”. The mountains – like symbolic concrete flow – become buildings and all his paintings are real and actual descriptions of nature’s architecture: they are “natural cities”. The sky becomes the supreme director of a landscape that is constantly taking shape, where any human presence vanishes almost completely.
Lastly, Massimo Gasperini focuses his attention on the concepts of “limit” and “margin”, of the “known” and “unknown”.
According to the author, the word “countryside” is often employed to identify a natural landscape, one almost completely erased from our planet. The anthropic landscape, of which the cultural component prevaricates on the natural one, prevails over the countryside, seizing its basic structures, transforming them and making them no longer functional for the survival of the local organism.
The “continuous city” has moved forward inexorably, increasing its margins and swallowing up the free space, according to the theory of an ever expanding consumption of the land.
The series of works presented in this exhibition by the author aim to explore the conceptual dimension of the margin, intended as the border between these two systems: city and countryside counteract according to the terms of addition (the city that stratifies and embeds upon the countryside), of subtraction (the city which deprives the countryside of its vital territory) and of figuration (artifice against nature).
The general and abstract visions, where the urban landscape and the natural landscape alternate, on the edge of contrasts and dissonances, on the paradox of confronting macro-shapes, define themselves progressively as the optical axis line gains ground.
This approach coincides with the dominion of natural elements over artificial ones, which dematerialize themselves until becoming a reflex or a memory of a pre-existence or existence.
Gasperini works on margins because the margin is where the limit between the two different and opposite realities meet. Between the known and the unknown.
Against this – silent – backdrop, the inevitable contrast with the great paintings of the past, as facing the rural landscape, also and above all, means confronting art history itself and rising to meet the challenge of articulating ourselves in a contemporary and current form on this fundamental subject, with all the respect it deserves, yet no longer considering it a taboo.

“The Twilight Zone” group show @ Burning Giraffe Art Gallery in Turin

40379188300_d3bc3c1537_c
installation view of the two paintings i did for this amazing exhibition

27316221647_4e17b6ce01_c
work in progress (Ph Silvia Sagone)

42140007102_0caaf3e4c5_z
“Iniziazione”, mixed media on canvas, 70×100 cm, 2018.

42140088062_41c1161762_z
“Società Segreta”, mixed media on canvas, 70×100 cm, 2018.

41285660265_bbde1ff891_n

THE TWILIGHT ZONE. Tales from the edge of town
a cura di Alessandra Ioalè

artisti in mostra: Francesco Barbieri, Daniel Chazme, Andrea Chiesi, ETNIK, Marcantonio Lunardi, Luca Lupi, Fabio Pradarelli, SEPE

Burning Giraffe Art Gallery – Via Eusebio Bava, 8/a, Torino

Vernissage: venerdì 4 maggio, ore 18:30-21:30
Periodo mostra: dal 4 maggio al 2 giugno 2018
Orario di apertura: martedì-sabato, 14:30-19:30 (mattina su appuntamento)
Contatti: www.bugartgallery.com – info@bugartgallery.com – t. 0115832745

Burning Giraffe Art Gallery è lieta di presentare la mostra collettiva The Twilight Zone, a cura di Alessandra Ioalé, che coinvolge gli artisti: Francesco Barbieri, Chazme, Andrea Chiesi, Etnik, Marcantonio Lunardi, Luca Lupi, Fabio Pradarelli, Sepe.
Attraverso una variegata serie di opere pittoriche, fotografiche e scultoree di queste otto personalità artistiche, italiane e straniere, si propone una lettura delle incredibili e originali declinazioni che ha assunto oggi il movimento realista, nell’estetica della rappresentazione e della restituzione emozionale del paesaggio urbano e della vita quotidiana che vi si svolge, rivitalizzando e continuando ciò che è stato cominciato oltre due secoli orsono e sottolineando quanto questo movimento non solo non sia morto, ma abbia riacquistato autonomia come forma espressiva nel panorama artistico contemporaneo.
Negli ultimi vent’anni una nuova ondata di artisti è tornata a rappresentare il paesaggio urbano e la vita quotidiana di chi lo abita, rispondendo a quel dovere di cronaca del contemporaneo con una qualità e varietà di soluzioni originali, inedite, personali ed espressive.
Ognuno proveniente da contesti ed esperienze distinti, scegliendo discipline e modalità espressive diverse, gli otto protagonisti della mostra dimostrano però una spiccata e comune sensibilità verso la narrazione del paesaggio urbano. Chi proveniente dal writing e dal graffitismo urbano, chi dalla videografia artistica e dal documentario di denuncia, chi dal disegno e dalla scena punk underground degli anni Ottanta, chi dalla fotografia e chi, infine, da studi di architettura e pratica della stessa, per ognuno di essi la città è nuovamente il soggetto perfetto per le rispettive ricerche, attraverso il quale riflettere, anche con toni polemici, sulla crisi che negli ultimi venti anni ne ha investito e corrotto la forma e la vita che in essa si conduce.
Dal realismo descrittivo, che tocca per certi aspetti livelli piranesiani, dei paesaggi metropolitani del pittore emiliano Andrea Chiesi, pervasi da un’atmosfera rarefatta, straniante ma attraente, dove il tempo sembra essere sospeso e l’attività umana scomparsa; alla lucida ricerca del fotografo toscano Luca Lupi, che con sguardo puro e nitido si pone frontalmente davanti a determinati paesaggi restituendone lingue sottili – profili spigolosi, per certi aspetti irregolari nelle loro altezze, che sembrano la naturale continuazione o interruzione della linea d’orizzonte, funzionando visivamente come un elettroencefalogramma della città contemporanea –; passando al netto rigore dei volumi e delle strutture compositive delle costruzioni urbane e industriali uniche protagoniste delle opere pittoriche del muralista polacco Chazme e dell’architetto Fabio Pradarelli, che realizzano dei ritratti architettonici in cui il dettaglio descrittivo è ridotto all’essenziale per manifestarne la loro imponenza non sempre con valore positivo; fino a toccare livelli più lirici, molto lontani da una volontà descrittiva, con i ritratti urbani e gli scorci di stazioni ferroviarie e luoghi di periferia di tutto il mondo accennati dalla veloce spatola del post-graffitista italiano Francesco Barbieri, il quale affida al gesto istintivo la restituzione emotiva delle atmosfere. Incontriamo, poi, la ricerca originale tradotta in scultura di un altro muralista italiano, Etnik, con le sue metafore architettoniche, che restituiscono una personale critica all’asfissiante costruzione selvaggia operata oggi nelle nostre città. Se fino a ora la presenza umana è rimasta in disparte, il percorso si conclude con due ricerche che polarizzano l’attenzione su due dei suoi aspetti: la vita quotidiana e il segno lasciato nel paesaggio urbano. Il muralista polacco, Sepe, infatti, è l’unico in questa collettiva a documentare con sguardo critico e ironico scene tipiche del vissuto quotidiano odierno di una società dedita al consumismo, alla santificazione delle apparenze e al perseguimento di falsi valori sociali dettati dai nuovi media di comunicazione di massa. La nostra attenzione è catturata infine dal realismo trasfigurato nelle opere fotografiche del videoartista toscano Marcantonio Lunardi che, attraverso il software Google Earth, sonda in ambito virtuale le zone di frontiera urbana catturando scorci inediti di paesaggio che racchiudono in sé testimonianze della presenza umana, enfatizzate esteticamente sfruttando gli errori del programma nella restituzione 3D, facendole spiccare come pietre preziose incastonate in questi ambienti mostruosamente deformati.
Aree che sembrano ai confini della realtà in cui si produce un ossimoro estetico, attraente e respingente allo stesso tempo, narrato da un folto gruppo di artisti, che contribuiscono alla rinascita del realismo nell’arte, ma soprattutto del genere paesaggistico urbano contemporaneo.

“Time” group show @ IPazziFactory

27512578378_b8e6b9f843_z

TIME
il tempo delle nostre vite
6 artisti contemporanei interpretano il concetto di tempo
Francesco Barbieri
Raffaele Boni
Lorenzo Marotta
Sonia Marrese
Marina Tanaka
Fabrizio Tronfi

a cura del collettivo iPazziFactory

ESPOSIZIONE
14 – 24 Aprile 2018
Spazio espositivo iPazziFactory
Via Palestro 21, Pisa

orari di visita
mercoledì – sabato h 10:00 – 13:00 / 16:30 – 19:30
domeniche su prenotazione

INAUGURAZIONE
Sabato 14 aprile ore 18.3

Esposizione collettiva / mostra visuale sonorizzata
Sei artisti esprimono il proprio soggettivo concetto di tempo attraverso la propria arte:

Il tempo come esperienza contemporanea (Francesco Barbieri)
Il tempo che si sospende, si espande, si rarefà (Raffaele Boni)
il tempo fermo dove tutto accade (Lorenzo Marotta)
Il tempo sulla pelle e sui gesti dell’uomo (Sonia Marrese)
Il tempo come spazio acustico (Marina Tanaka)
Il tempo tra ricerca astratta e ready made (Fabrizio Tronfi)

TIME – il Tempo, anche se è la più misurata fra le cose che misuriamo, sfugge dal farsi racchiudere in parole. Il tempo è un paradosso dall’indefinibile natura. Il Tempo è il tessuto stesso della nostra esistenza. Il Tempo si annusa, si percepisce, si sente. Il Tempo travalica lo spazio, lo attraversa, lo estende. Il Tempo passato ritorna come presente sotto forma di ricordo ed il futuro si materializza in noi come Tempo dell’attesa. Il Tempo è la scansione ritmica di gesti, pensieri, riti, sentimenti, attimi che organizzano la vita ed i suoi mutamenti. Al di la’ del suo statuto ontologico il Tempo è dunque una esperienza imprescindibile che naturalmente trova espressione artistica, non solo nella musica, come è ovvio, ma anche nelle arti visive.
“TIME”, suggerisce una di riflessione sulle molteplici forme estetiche che il Tempo prende e come si agiti dentro ed intorno a ciascuno di noi in modo diverso, originale, proprio.

random paintings from the last years

26933650628_e75bba4093_c

“Rapsodia In Rosso”, 50×70 cm, mixed media on canvas, 2016

25686625407_f44da89eff_z

“Giorno Siderale”, mixed media on canvas, 50×70 cm,2017

39423613460_8db899e471_z

“Landscape n.62″, 50×60 cm, mixed media on canvas, 2015

40302194331_da524fac4d_z

“Mezzanotte Nel Giardino Del Bene E Del Male”, 30×30 cm, mixed media on paper, 2017.

41233893721_a55e6d90b8_z

“Ipertrofia Della Comunicazione”, mixed media on wood, 45×45 cm, 2016

41234163001_27d230d6df_z

“Working Class Hero”, 45×45 cm, mixed media on paper, 2016.

39106503580_2890e60d85_c

at work, Nanjing 2015.41025106312_67f872b837_c

“Modern Day Catastrophe”, mixed media on canvas, 65×65 cm, 2017

40244751304_1308f91fb4_c

“Golgota”, mixed media on paper, 90×65 cm, 2016

39404876035_25cbb305d5_c

“Blue Stress”, 80×60 cm, mixed media on canvas, 2016-2018

Some pics from the solo show “About Concrete And Steel” @MYM Gallery, Helsinki.

38040765991_81147161cf_c

37733384591_a675593a4d_z
“Autumn Lay Ups”, mixed media on canvas, 100×100 cm, 2017.

23764901428_864de7b75e_c
“Hooked On A Feeling”, mixed media on canvas, 100×100 cm, 2017.

37701104506_ab615432db_z
“Mid 90′s (Zero Tolerance)”, mixed media on canvas, 50×60 cm, 2017.

36998877933_82384b522e_c
“Cathedral”, mixed media on canvas, 50×60 cm, 2017.

26144464549_effa24ec1d_z
“Central Helsinki Darkness”, mixed media on canvas, 90×120 cm,2017.

26265624969_f9d33a0116_c
“Pasila Nights”, mixed media on canvas, 50×60 cm,2017.

26265588649_0ff06132d7_c

37638476986_4d882aa834_z
“First Day Of Summer (Wildstyle)”, mixed media on canvas, 100×100 cm, 2017.

37182342973_1b00139d94_c
“Worship The Black Monolith” / “Worship The White Monolith”, mixed media on paper, 100×70 cm each, 2017.

24095376768_805343c31d_c
“Beggar”, mixed media on paper, 100×70 cm, 2017.

37781508402_5c1c4fd01e_z
“Virtual Explorer”, mixed media on canvas, 50×60 cm, 2017.

23816588228_f20e9a8dee_c
“Emilio’s Thunder”, mixed media on canvas, 100×100 cm, 2017.

37744300812_79d37e38b4_c
“My Friend Is A Good Shoplifter”, mixed media on canvas, 90×120 cm, 2017